Agenzia delle entrate. Credito di imposta per le imprese agricole e agroalimentari che vogliono realizzare investimenti finalizzati al potenziamento del commercio elettronico.

Descrizione completa del bando

Il credito d’imposta è diretto a supportare le reti di imprese agricole e agroalimentari che vogliono realizzare investimenti per la realizzazione o l’ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico.

 Area Geografica: Italia
 Scadenza: PROSSIMA APERTURA | In fase di attivazione
 Beneficiari: Micro Impresa, Grande Impresa, PMI
 Settore: Agroindustria/Agroalimentare, Agricoltura
 Spese finanziate: Digitalizzazione, Promozione/Export
 Agevolazione: Bonus fiscale

Soggetti beneficiari

I soggetti coinvolti sono le reti di imprese agricole e agroalimentari anche costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi o aderenti ai disciplinari delle strade del vino.

Tipologia di interventi ammissibili

Le spese che aprono la strada al credito d’imposta sono quelle per la realizzazione o l’ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico, con particolare riferimento al miglioramento delle potenzialità di vendita a distanza a clienti finali residenti fuori del territorio nazionale. Tra le spese agevolabili rientrano anche quelle per attività e progetti legati all’incremento delle esportazioni, sostenute nell’ambito delle dotazioni tecnologiche e del software e dello sviluppo di database e sistemi di sicurezza.

Entità e forma dell’agevolazione

Il credito d’imposta è pari al 40 per cento e ha un limite di 50mila euro per le piccole e medie imprese operanti nella produzione primaria di prodotti agricoli e per le per le piccole e medie imprese agroalimentari, mentre per le grandi imprese che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli è previsto un tetto pari a 25mila euro.

Il credito può essere fruito per ciascuno dei periodi d’imposta che vanno dal 2021 al 2023 e non può essere superiore a 50.000 euro.

Scadenza

La Comunicazione va inviata dal 15 febbraio al 15 marzo dell’anno successivo a quello di realizzazione degli investimenti. Per gli investimenti realizzati nel 2021, la Comunicazione va inviata dal 20 settembre 2022 al 20 ottobre 2022. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.